Magnetoterapia

È utilizzata per applicazioni antidolorifiche e per la terapia di patologie muscolari e delle ossa, in particolare nel caso di fratture, artrosi e osteoporosi.
Prevede l’uso di un apparecchio che produce impulsi elettromagnetici che stimolano la rigenerazione dei tessuti ossei e cutanei, la circolazione sanguigna, la produzione di endorfine da parte del sistema neurovegetativo, riducendo in tal modo il dolore che accompagna lo stato infiammatorio.
La magnetoterapia stimola inoltre l'assimilazione del calcio, importante per le ossa che rinforzandosi saranno meno soggette a fratture o a malattie degenerative.

Indicazioni

Artropatie di natura infiammatoria e degenerative, pseudoartrosi, fratture recenti o in ritardo di consolidazione, osteoporosi, morbo di Sudeck.

Controindicazioni

Nei casi di portatori di pace-maker e gravidanza.